JYJ e SM, il verdetto finale.

Nel 2009 Jaejung, Junsu, e Yoochun tre dei membri dei TVXQ, iniziarono una battaglia legale contro la SM Entertainment, allora loro agenzia, da cui dichiaravano di volersi staccare.

La SM Entertainment è tutt’oggi una delle tre agenzie leader nel kpop, e gli stessi TVXQ in quel periodo dominavano la scena pop asiatica non solo sud coreana, pertanto il caso ha ricevuto grande attenzione mediatica nel corso degli anni.

Le accuse dei JYJ nel 2009 puntavano il dito contro i contratti di 13 anni, troppo lunghi per degli idol la cui carriera è legata molto all’età, oltre alla distribuzione ingiusta dei guadagni fra loro e l’agenzia.
I JYJ non sono stati i primi a parlare di “contratti da schiavi”, di ingiustizie e maltrattamenti, ci sono stati già dei precedenti, e proprio grazie alla loro azione OGGI i contratti che i nuovi idols firmano tutelano maggiormente i loro diritti.

Il tribunale stabilì quasi subito che i contratti erano effettivamente ingiusti e quindi si dovevano annullare, pertanto i JYJ, fuori dalla SM, dopo aver incominciato e bruscamente interrotto le attività in Giappone, dove sembrava avessero ancora un management (Avex Trax), tornarono a lavorare in Corea del Sud sotto CJeS.

nullTutt’oggi i JYJ sono gli unici idols sotto CJeS, dato che i pochi artisti che ha sotto contratto sono per lo più attori (Song Ji Hyo, ad esempio).

Inevitabilmente con la scissione del gruppo si è avuto un periodo di inattività dei membri per poi avere già dal 2010-2011 la formazione definitiva del trio JYJ e la rinascita dei TVXQ come duo.
Dal 2010 ad oggi però, se i TVXQ hanno ripreso ad esibirsi sia in patria che all’estero con concerti e partcipazioni tv e radio, i JYJ si sono visti chiudere in faccia numerose porte, soprattutto dai canali di comunicazione più importanti.

Dal silenzio stampa sulle date dei JYJ al Tokyo Dome (capacità 50 000 posti) nel 2010, all’annullamento all’ultimo secondo della loro apparizione su KBS nel 2011 per promuovere l’Isola di Jeju (di cui in quel momento erano ambasciatori onorari), sono anni che i media non permettono loro di promuversi liberamente.
KBS, SBS, e via dicendo ad esempio, non permettono al trio di esibirsi in tv. Nemmeno per apparire in quei programmi tv musicali in cui vengono premiati i gruppi con i dati di vendita maggiori. E i JYJ sia solisti (Junsu e Jaejoong) che come gruppo, hanno continuato ad avere buoni dati di vendita.
La spiegazione fornita dalle reti televisive è sempre stata quella di non poter far esibire un gruppo coinvolto in una disputa legale, ma di quale disputa parlavano?
Il tribunale aveva già emesso il verdetto principale sulla questione dei contratti e i JYJ erano stati giudicati “nel giusto”, ciò che rimaneva in sospeso era il risarcimento economico richiesto dai tre e non concesso dalla SM.
Nel 2012 dopo un lungo tira e molla, innumerevoli trattative e incontri, le due parti avevano dichiarato di ritirare le rispettive pretese economiche ossia: dal 2012 JYJ e SM non hanno più alcun legame, né conto in sospeso, né altro.
Ufficialmente.

Nonostante quest’ulteriore passo nella vicenda, che doveva quindi concludersi, i JYJ hanno contiuato a vedersi rifiutati e ignorati. Eppure non sono un gruppo da poco.
Il loro fan club continua a contare decine di migliaia di persone di ogni età e Paese, sono amati a livello mondiale non meno di molti gruppi ben più pubblicizzati. Sono fra i pochi ad essersi esibiti in un tour mondiale, i primi ad ever fatto un tour sud americano, anche le due date europee sono andate sold out, sono stati invitati ad esibirsi davanti alle mogli dei presidenti quando a Seoul c’è stato il “2012 Nuclear Security Summit”. Sono in effetti rappresentati di primo piano dell’Hallyu nel mondo.

La CJeS ha quindi denunciato l’azione sleale della SM che da dietro le quinte, secondo quanto da loro raccolto, più o meno indirettamente “ha contiuato a sabotare” le attività dei JYJ.

nullLa cosa non è impossibile. La SM ha i soldi, il potere e la posizione per farlo. Sono sotto SM f(x), Girls’ Generation (SNSD), TVXQ, Super Junior, SHINee e EXO, tutti gruppi ampiamente pubblicizzati e famosi a livello non solo locale (basti pensare al tour dei Super Junior in Sud America con circa 40 000 spettatori per un totale di quattro Paesi), e ha importanti connessioni economiche con altre agenzie e con i media.

Nel 2010 fra i primi 20 album più venduti second la Gaon Chart, la SM compare 7 volte con Super Junior (1°, 9°), Girls’ Generation (2°,3°,4°) e SHINee (6°, 17°), JYJ compaiono 3 volte ( 8°,10°, 11°) e in più sono parte della colonna sonora di Sungkyunkwan Scandal (13°), uno dei dorama di maggior successo del 2010, in cui ha recitato anche Yoochun.
null

Il sospetto di interferenze da parte della SM aleggia fin da quanto sucesso in Giappone con la Avex, una delle agenzie più importanti del Paese partner anche della SM.
I JYJ infatti avviata la causa in Corea del Sud, ma ancora appoggiati dal management giapponese (Avex), hanno debuttatto come trio con dei concerti al Tokyo Dome nel 2010. Poco dopo però anche la Avex ha iniziato ad intereferire con le loro attività locali tanto che è iniziata anche in Giappone una battaglia legale, vinta sempre dai JYJ all’inizio del 2013.

L’ultimo verdetto del tribunale in merito a vicende JYJ- SM dichiara che la SM Entertainment deve smettere di interferire nelle attività promozionali dei JYJ.
La notizia è stata accolta con gioia sia dai fan che naturalmente dal gruppo e dalle loro famiglie, ma la SM ha già dichiarato di non aver mai interferito in nessun modo con le loro attività e che quindi sta pensando di fare ricorso.

Ma la domanda dei fan è sempre la stessa: i JYJ riusciranno a mostrarsi al grande pubblico?
In più anche per loro si avvicina il giorno in cui dovranno prestare servizio militare, che vorrà dire due anni di assenza dalle scene proprio a cavallo dei trent’anni. E per degli idol potrebbe essere dura, per gli ex membri dei TVXQ e neo artisti in continua crescita chissà.

Link:
Articolo su Channel News Asia (inglese)
Articolo su Korea Times (inglese)
Articolo su Korea Herald (inglese)
Articolo sul verdetto del 2012, Soul Beats (inglese)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: